Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: può appellare anche il singolo condomino in luogo dell'amministratore per cause su beni o servizi in comune

condominio lavori id9441
Nel condominio di edifici, che costituisce un ente di gestione, l'esistenza dell'organo rappresentativo unitario non priva i singoli condomini del potere di agire in difesa dei diritti connessi alla loro partecipazione, né quindi del potere di avvalersi dei mezzi di impugnazione per evitare gli effetti sfavorevoli della sentenza pronunciata nei confronti dell'amministratore che vi abbia fatto acquiescenza. Questo è il contenuto della sentenza 4991, depositata il 28 marzo 2012. In particolare, gli Ermellini della seconda sezione civile hanno spiegato che laddove siano in discussione i diritti e le facoltà che si riconnettono al diritto di comproprietà dei condomini sulla parte comune, come ad esempio la delibera inerente l'installazione sull'architrave perimetrale del fabbricato delle insegne per i locali commerciali afferenti al condominio, il giudice di secondo grado è tenuto a riconoscere la legittimazione ad appellare del singolo condomino, in luogo dell'amministratore che era stato parte nel giudizio di primo grado.
Consulta testo sentenza n. 4991/2012
(01/05/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF