Sei in: Home » Articoli

Investire alle Canarie con l'assistenza dello studio Ana Fernández & Geval

investire canarie, vivere canarie, spagna
All'interno dell'Europa, le Canarie rappresentano sicuramente il territorio in cui si può investire in modo maggiormente vantaggioso, giacché si gode di uno speciale regime fiscale che, non solo, incentiva l'attività economica, bensì, offre una grande opportunità per dare il via ad un'attività imprenditoriale all'estero. Come ben saprete, le Canarie possono vantare uno speciale REF, ossia, un regime economico e fiscale che permette a tutti gli imprenditori di investire i propri risparmi, grazie ad agevolazioni fiscali, che garantiscono un risparmio sulla tassazione fiscale. Il REF o regime economico e fiscale dell'arcipelago delle Canarie, da sempre, cerca di favorire lo sviluppo economico del proprio territorio offrendo importanti facilitazioni di natura fiscale a chi è interessato ad avviare in loco un'attività. Il regime fiscale delle Isole Canarie è caratterizzato da un'imposta sulle società che può essere ridotta fino al 90%, in presenza di utili non distribuiti e destinati all'acquisto di titoli di debito pubblico, all'acquisto di attivi fissi o, infine, all'acquisto di azioni e partecipazioni in società che hanno a disposizione una sede fissa nelle Canarie. Ma non è tutto: il regime fiscale permette una riduzione dell'imposta sulle società per quanto riguarda investimenti effettuati all'interno dell'arcipelago; non manca poi la possibilità di ottenere incentivi sulla produzione di beni fabbricati all'interno dell'arcipelago. Alle imprese, inoltre, viene offerta la possibilità di iscriversi in un Registro Navale Speciale, con il quale è possibile ottenere delle esenzioni dell'imposta sui trasferimenti e sgravi pari fino al 90% sull'imposizione della società. Anche l'aliquota IVA delle Canarie è molto interessante, essendo pari al 5% e, inoltre, è messa in atto l'esenzione dell'imposta sugli Atti Giuridici Documentati e sulle Trasmissioni Patrimoniali per tutti le persone giuridiche con domicilio nelle Canarie. È prevista, invece, l'esenzione per operazioni svolte nelle Canarie attraverso sedi operative permanenti nei seguenti casi: nelle modalità dei Trasferimenti Patrimoniali a titolo oneroso per acquisti; nell'investimento iniziale di elementi di immobilizzazioni materiali; per la costituzione di una società o l'aumento del capitale da utilizzare per l'acquisto o l'importazione di beni di investimento, l'acquisto o la cessione di elementi delle immobilizzazioni immateriali. La ZEC (Zona Especial Canaria), autorizzata nel 2000 dall'UE, risulta essere attualmente l'area con la più bassa imposizione fiscale in Europa e permette di ottenere benefici tali da poter raggiungere circa la metà dell'investimento sovvenzionabile, utili per la costituzione, ampliamento, modernizzazione e trasferimento dell'impresa. Va comunque detto gli incentivi messi a disposizione in quest'area – situazione prorogata nel 2006 dal Governo Spagnolo - possono godere solo coloro che non hanno a che vedere con la costituzione di aziende che potrebbero compromettere l'ambiente. La ZEC rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2019, proprio come da proroga dell'UE, mentre che l'iscrizione al Registro Ufficiale di Entità ZEC avrà un limite fissato al 31 dicembre 2013. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle Cirilo Amorós nº 1, 1º,3a - 46004 Valencia (Spagna)
Tel: +34.647.44.21.02
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/04/2012 - L.V.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF