Sei in: Home » Articoli

Cassazione, cessazione del mandato di agenzia: in caso di determinazione dell'indennità, art. 1751 c. c. deve essere derogato dalla contrattazione collettiva solo previsione normativa è più favorevole.

sentenza bilancia
Con la sentenza 4149, depositata il 15 marzo 2012, la seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha ricordato che in caso di cessazione del mandato di agenzia, la norma del codice civile, in caso di determinazione dell'indennità, deve essere derogata dalla contrattazione collettiva solo se quest'ultima fosse più favorevole all'agente. La Corte ha poi ricordato che ai sensi dell'articolo 1751 del C.c., all'atto della cessazione del rapporto il preponente è tenuto a corrispondere un'indennità se ricorrono le seguenti condizioni: l'agente abbia procurato nuovi clienti al preponente o abbia sensibilmente sviluppato gli affari con i clienti esistenti, e nel caso in cui il preponente riceva ancora sostanziali vantaggi derivanti dagli affari con i clienti.
Il pagamento di tale indennità deve essere equo tenuto conto anche di tutte le provvigioni che l'agente perde e che risultano dagli affari con tali clienti. Nelle quattordici pagine di sentenza i giudici di legittimità hanno così precisato che se la contrattazione collettiva prevede un trattamento in melius, in riferimento alla determinazione dell'indennità, la disposizione di cui all'art. 1751 c.c. può essere derogata.
Consulta testo sentenza n. 4149/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/04/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF