Sei in: Home » Articoli

Consulenza aziendale in Spagna per l'acquisizione di società già costituite. Le shelf companies.

consulenza aziendale in spagna, consulenza aziendale spagna,consulenza spagna
La compravendita di una società già costituita può offrire grandi vantaggi, giacché permette all'acquirente di risparmiare del tempo evitando di dover compiere delle pratiche che, a volte, potrebbero causare ritardi operativi. La shelf company, o società già costituita, è semplicemente una persona giuridica già iscritta al Registro delle Imprese (Registro Mercantil) e possiede un Numero di Identificazione Fiscale (Número de Identificación Fiscal) chiamato Codice Fiscale. Solitamente, una shelf company viene aperta con un capitale minimo, stabilito in base alla legge vigente, usando statuti standard e si mantiene "viva" pur non essendo operativa. Considerando che la legge prescrive forme e passaggi precisi per costituire una società, spesso, l'acquirente preferisce acquistare una società già costituita – sebbene sia leggermente più costosa – piuttosto che dover attendere i tempi burocratici e spendere meno denaro. Per il tramite di un notaio pubblico spagnolo, acquirente e venditore possono incontrarsi tramite i propri rappresentanti legali e formalizzare l'acquisto di una società precostituita, semplificando la procedura per la compravendita. Ma quali sono i documenti utili per formalizzare l'acquisto di una shelf company? Per prima cosa, i rappresentati di venditore e di acquirente devono produrre le procure originali degli stessi e, in secondo luogo, i documenti identificativi originali, come il documento d'identità o il passaporto dei rappresentanti dell'acquirente e del venditore. Altro documento necessario per l'acquisto di una società già precostituita è la dichiarazione d'investimento estero, nota con il nome di Modello D-1A, reperibile e scaricabile dal sito Aforix. La dichiarazione in questione dovrà esser compilata in tutti i suoi spazi, come proprio nel caso della costituzione di una società ex novo, anche se in questo caso si tratta semplicemente di un documento informativo. Una volta presentati tutti i documenti necessari per l'acquisto della società, è necessario procedere con il versamento della somma pattuita tramite bonifico bancario, effettuandolo prima della stipulazione dell'atto d'acquisto, oppure, mediante assegno che viene firmato nel momento della compravendita. Con l'effettivo acquisto di partecipazioni di una società, bisogna dire che non si genera, come di consueto, la tassazione in Spagna con l'imposta sulle cessioni e atti giuridici documentati né l'imposta sul valore aggiuntivo. L'acquirente, una volta che avrà ottenuto al 100% la società, dovrà occuparsi di presentare la dichiarazione di cambio del socio unico, cioè il cambio dell'intestazione della società: questa dichiarazione, però, dovrà esser un documento differente da quello dell'acquisizione delle partecipazioni. Tra le ultime importanti operazioni da completare, ci sono la modifica della denominazione, il domicilio sociale, l'oggetto sociale e l'organo di amministrazione. Per la modifica degli statuti, anche in questo caso, sarà necessario far riferimento ad un notaio pubblico con il successivo deposito del documento al Registro delle Imprese, con approvazione del socio unico. Qualora si fosse intenzionati a cambiare anche la denominazione sociale, sarà necessario ottenere prima il nullaosta da parte del Registro delle Imprese. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle Cirilo Amorós nº 1, 1º,3a - 46004 Valencia (Spagna)
Tel: +34.647.44.21.02
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/03/2012 - L.V.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF