Sei in: Home » Articoli

Prova civile: incapacità a deporre non tempestivamente sollevata

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (sent. n. 3956/03) ha affermato che ?ove la capacità a deporre del teste non possa essere messa in discussione per non essere stata la relativa questione tempestivamente sollevata, il giudice del merito non è esonerato dal potere - dovere di esaminare l'intrinseca attendibilità di detto testimone?. In particolare, specialmente quando vi è contrasto tra le risultanze di prove diverse, il giudice può legittimamente tener conto dell'interesse del teste all'esito del giudizio, e ciò anche laddove tale interesse non sia formalmente tale da legittimare la sua partecipazione al giudizio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/09/2003 - Marina Demaria)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF