Sei in: Home » Articoli

MEDIATORE professionista nell'Istituto Nazionale Telematico - Ci scrive la lettrice Manuela

mediazione ufficio id10151
POSTA e RISPOSTA n.275 ospita le considerazioni di MANUELA manuela.csfo@gmail.com, espresse alle h.17:28 del 19 marzo 2012: "Salve, anch'io ho ottenuto l'attestato per mediatore professionista nell'ottobre scorso e attualmente collaboro per un ente di formazione in provincia di Padova (Istituto Nazionale Telematico). Non escludo che per alcuni enti ed organismi la mediazione sia un'opportunità di business, ma non trovo nemmeno giusto includere tutte le realtà esistenti in un unico calderone. Nel mio ente ci sono persone valide e qualificate che lavorano in maniera seria, per diffondere (gratuitamente) la cultura della mediazione tra i cittadini e offrire servizi di aggiornamento e approfondimento sulla materia nella maniera più accessibile possibile a tutti i professionisti del settore e non. Forse il problema, in Italia, è un altro, e cioè che le mele marce danneggiano anche quelle sane e che siamo disposti a spendere e ad investire per la formazione molto meno che per altri aspetti della nostra persona.
Mi dispiace poi che proprio un laureato in economia non riesca a cogliere l'importanza di aver frequentato un corso per mediatore civile e commerciale, al di là delle difficoltà ad esercitare che possono essere dovute a molte cause (la difficoltà del nuovo istituto giuridico a decollare, per esempio, per la mancanza di informazione generale o per il cambiamento notevole di mentalità e atteggiamento che esso comporta). Io infatti sono laureata in Lettere, ma, forse per il percorso di formazione che ho fatto, non mi sognerei mai di definire la mediazione solo come un grosso business, nonostante possa avere ben più difficoltà ad iscrivermi ad un organismo. L'unica cosa che mi posso augurare è che organismi, enti, mediatori e, perché no, anche tutti i giuristi, adottino al più presto una forma mentis favorevole alla mediazione e inizino a collaborare in un'unica direzione." - Ti ringrazio, cara Manuela, per aver partecipato alla discussione: aggiornaci periodicamente su come sta evolvendo il nuovo istituto della mediaconciliazione. Alle h.17:27 del 15 marzo 2012 mi scrive PIERO ELIA piero.elia@libero.it: "Prendo atto dell'esperienza negativa appena esposta, ma da qui a sparare nel mucchio facendo demagogia ce ne corre.
Esistono anche tante realtà serie che non richiedono nessuna somma all'iscrizione e che per l'accesso al proprio organismo effettuano un semplice colloquio al fine di verificarne il know how e la propensione a questo tipo di professione". Grazie, caro Piero. A presto sempre su questi pixel.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/03/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Voto anticipato: il no dei parlamentari per non perdere le pensioni
» I debiti Inps si trasmettono agli eredi?
» La pensione reversibilità al coniuge separato
» Avvocati: i nuovi obblighi per la privacy
» Authority: maxi sanzioni per 1,7 milioni di euro ad Enel e Eni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF