Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la Tia è un tributo e va ammessa al fallimento come credito privilegiato.

cassazione
Con sentenza n. 2320, depositata il 17 febbraio scorso, la prima sezione civile del Palazzaccio ha chiarito che la Tia è un tributo e dev'essere ammessa al fallimento come credito privilegiato. Infatti, le norme del codice civile – si legge nella parte motiva della sentenza - che stabiliscono i privilegi possono essere oggetto non già di applicazione analogica bensì di interpretazione estensiva, che sia cioè diretta ad individuarne il reale significato e la portata effettiva anche oltre il limite apparentemente segnato dalla formulazione testuale, tenendo in considerazione l'intenzione del legislatore e la causa del credito che, ai sensi dell'art. 2745 cod. civ., rappresenta la ragione giustificatrice di qualsiasi privilegio». Non solo, il privilegio previsto dall'art. 2752 comma 3 dev'essere quindi riconosciuto anche ai crediti relativi a tributi locali (la T.I.A., l'I.C.L, l'I.R.A.P. anche per il periodo anteriore alla modifica di cui al D.L.n.159/2007) non compresi tra quelli contemplati dal R.D.n.1175/1931 contenente il Testo Unico sulla finanza locale, atteso che la norma codicistica, con l'espressione "legge per la finanza locale" in luogo della precisa individuazione della predetta fonte normativa, intese rinviare non già ad una legge specifica istitutiva della singola imposta bensì all'atto astrattamente generatore dell'imposizione nella sua lata accezione, onde consentire l'aggregazione successiva di norme ulteriori in ragione della materia considerata.
Consulta testo sentenza n. 2320/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/03/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF