Sei in: Home » Articoli

Invio di sms e consenso del destinatario

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 1/7 settembre 2003), ha stabilito che i gestori telefonici e le imprese private che intendono utilizzare l?invio di sms per comunicazioni commerciali, debbono preventivamente aver raccolto una chiara e specifica manifestazione di volontà, in tal senso, dei destinatari. Il Garante ha poi precisato che se gli sms sono inviati da organismi politici o da terzi a destinatari selezionati in base alla loro adesione a determinate idee o formazioni politiche, oltre al consenso necessariamente scritto dei destinatari, occorre verificare che il trattamento dei dati personali sia altresì conforme alle autorizzazioni "generali" dal Garante in materia di dati sensibili.
Nel provvedimento è stato poi evidenziato che è parimenti illecita la tecnica adottata da alcuni fornitori di servizi telefonici, sia di acquisire preventivamente il consenso all?invio di sms pubblicitari, subordinandolo alla stipula del contratto o all?attivazione della carta prepagata, sia di inserire, tra gli obblighi contrattuali, una dichiarazione standard di ?impegno? all?invio di sms commerciali.
(12/09/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF