Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: l'assenza di tabelle millesimali non preclude la ripartizione delle spese condominiali

due grandi palazzi condominiali
Con sentenza n. 2237, depositata il 16 febbraio scorso, la Corte di Cassazione ha stabilito che le spese condominiali possono essere ripartite anche in assenza delle tabelle millesimali. Detta carenza non pregiudica infatti una ripartizione delle spese condominiali che sia proporzionale alla quota di ogni condomino. In sostanza, il criterio per determinare le singole quote deriva dal rapporto tra il valore della singola proprietà e quello dell'interno edificio. Nella parte motiva della sentenza si spiega che la ripartizione di una spesa condominiale, può essere deliberata (anche in mancanza di appropriata tabella millesimale) purché sia rispettata la proporzione tra la quota di essa posta a carico di ciascun condomino e la quota di proprietà esclusiva a questi appartenente.
In sostanza il criterio per determinare le singole quote preesiste ed é indipendente dalla formazione della tabella derivando dal rapporto tra il valore della proprietà singola, e quello dell'intero edificio. Pertanto, il condomino, il quale ritenga che la ripartizione della spesa abbia avuto luogo in contrasto con tale criterio, è tenuto a impugnare la deliberazione indicando in quali esatti termini la violazione di esso abbia avuto luogo e quale pregiudizio concreto e attuale gliene derivi.
Consulta testo sentenza n. 2237/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/02/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF