Sei in: Home » Articoli

Scuola: Federconsumatori, in atto ricatti a chi non può pagare contributi. A rischio diritto allo studio

scuola id8445
L'associazione Federconsumatori ha denunciato alcuni ricatti messi in atto, secondo quanto segnalato dal sito Skuola.net e da alcuni genitori, dagli istituti scolastici a danno delle famiglie che non possono permettersi di versare i contributi scolastici. Secondo la segnalazione, tra le presunte minacce ricevute ci sarebbero la non accettazione della domanda di iscrizione alla scuola per l'anno successivo e addirittura il rischio di risvolti negativi sul voto in condotta dell'alunno, voto che, ricordiamo, fa media con gli altri in pagella e potrebbe in alcuni casi mettere a repentaglio la promozione dell'alunno o quantomeno condizionarne l'intero andamento scolastico. Federconsumatori ha interpellato direttamente il Ministero della Pubblica Istruzione al fine di ottenere ulteriori chiarimenti: la risposta del Ministero è stata che in caso di mancato pagamento dei contributi non dovrebbe comunque essere negata la frequenza scolastica e il diritto allo studio, da garantire obbligatoriamente a livello costituzionale. Alla luce di questo, l'associazione ha quindi assunto l'impegno di prendere iniziative di natura legale sia contro gli istituti sia contro il Ministero stesso qualora dovessere ripeteri ricatti di questo genere. Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti rispettivamente di Federconsumatori e Adusbef, hanno infatti dichiarato:“Non ammetteremo nessuna discriminazione nei confronti delle famiglie che non sono in grado di provvedere al pagamento di questi onerosi contributi, oltretutto volontari”.
(21/02/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF