SPAGNA: Legge sulla privacy, violazioni e sanzioni.

violazioni, sanzioni, privacy, spagna
Le sanzioni raccolte dalla Legge Organica sulla protezione dei dati spagnola sono notevolmente superiori rispetto a quelli previsti nella maggior parte dei paesi europei nel nostro ambiente. Naturalmente ci sono grandi differenze tra le varie sanzioni imposte dalle differenti legislazioni europee, ma questo può essere in gran parte a causa dei diversi modi in cui le autorità regolamentari interpretano determinati concetti giuridici e il concetto stesso di privacy e che la riservatezza o privacy hanno diverse società e culture europee. La legislazione sulla protezione dei dati deve essere soddisfatta dai mezzi di comunicazione in modo rigoroso molto più di quello che stanno facendo finora. Dovrebbe essere uno sforzo comune (i media, gli interessati, le Agenzie e gli specialisti del settore) al fine di aumentare il livello attuale di conformità a tali norme. Abbiamo bisogno di un impegno più profondo per adeguarsi ai precetti contenuti nella legge sulla protezione dei dati e dei regolamenti di attuazione. A questo bisogna valutare la situazione di colui che ha ceduto i suddetti file, senza la dovuta sicurezza, a persone con le quali non vi era alcun legame contrattuale.
Il tribunale ha respinto tutte le accuse formulate dal produttore televisivo contro la sanzione. Il diritto fondamentale alla protezione dei dati personali e la libertà di espressione e d'informazione dei mezzi di comunicazione sono obbligati ad intendersi, per raggiungere un equilibrio imprescindibile che interessa entrambe le parti. Dobbiamo essere consapevoli che un disguido, apparentemente insignificante, può causare una seria violazione alla vita privata degli individui. Non solo le entità private devono recuperare il ritardo in materia. Dobbiamo essere consapevoli che un disguido, apparentemente insignificante, può causare una seria violazione alla vita privata degli individui. Non solo entità private devono recuperare il ritardo in materia. L'Amministrazione, che utilizza i media (Internet e l'e-government, per esempio) per facilitare il lavoro e per risparmiare costi e tempo, deve essere più scrupolosa nel rispettare la normativa. Violazioni così gravi come quella che si è verificato poco più di un mese fa in Italia presso l'Agenzia delle Entrate (Registro pubblico che è responsabile, tra l'altro, di ricevere la dichiarazione dei redditi dei cittadini italiani) dimostrano chiaramente come i governi non stiano applicando la dovuta diligenza quando si tratta di protezione dei dati nelle loro comunicazioni attraverso la Rete. In Italia quest'anno sono stati pubblicati per la prima volta, attraverso Internet, dei dati in materia di dichiarazioni dei redditi dei cittadini. Questo argomento ha generato un caos politico e un controverso dibattito pubblico sulle misure di sicurezza utilizzate dall'Amministrazione per preservare la privacy e la disponibilità o meno a divulgare tali dati. La situazione non è durata a lungo. Pubblicati i dati in Rete, il sito della Agenzia ha ricevuto così tante visite che si è bloccato e l’accesso non è stato per un po’ possibile. I partiti politici di ogni versante si sono ritrovati impegnati in una accesa discussione. Molti leader del centro-sinistra hanno espresso sostegno per la pubblicazione dei redditi, mentre il centro-destra (che ha recentemente ottenuto il governo del paese) ha contestato che la pubblicazione era contraria alle norme che disciplinano la privacy e il diritto di la privacy delle persone. Fortunatamente, l'organismo di controllo italiano per la tutela dei dati (Il Garante per la Privacy) è intervenuto rapidamente costringendo l'Agenzia delle Entrate a ritirare le dichiarazioni dei redditi al proprio sito web. La decisione è stata accolta con gioia tra le fila del partito di governo. È interessante notare che la questione accaduta in Italia, ha permeato l'opinione pubblica alimentando un originale dibattito, o meglio, dando luogo a una coscienza nella società di essere titolari di un diritto fondamentale di cui fino a poco tempo si aveva poca conoscenza: la protezione dei dati personali. Durante il mese di maggio, radio e televisione hanno trasmesso più programmi dedicati a dibattiti sulla privacy o sulla protezione dei dati personali. Gli ospiti sono stati divisi tra coloro che erano favorevoli alla pubblicazione di dichiarazioni "per scopi di pubblicità e di trasparenza" e quelli che, tuttavia, erano contro "per rispetto ai dati sensibili dei cittadini" e soprattutto per rispetto a quello che gli italiani chiamano "privacy". Forse dovremmo vivere in Spagna una situazione simile perchè il cittadino comune, come soggetto principale e titolare del diritto, e gli obbligati al rispetto delle norme fossero consapevoli dell'importanza di preservare la nostra privacy e i dati personali. In Italia, il dibattito rimane aperto... Il diritto all’autodeterminazione (come abbiamo detto, così è stato definito dalla sentenza della Corte costituzionale n. 292/2000 del 30 novembre) è un diritto fondamentale diretto a controllare le informazioni che concernono un soggetto. Senza questo controllo, senza limiti rivolti al potere pubblico, ai soggetti privati, sia i media o altri enti privati, tenderanno non solo ad avere una conoscenza quasi completa della vita di ognuno di noi, ma persino le utilizzeranno per prendere decisioni che ci riguardano. In questo caso, possono essere a rischio il diritto fondamentale alla riservatezza e le nostre libertà più personali. Il livello di rischio aumenta in modo esponenziale all' affinarsi delle tecniche e delle procedure che permettono l'accesso e la comunicazione dei dati personali e la possibilità di manipolarli. Il problema non si verifica in tutti i siti con la stessa intensità in quanto è direttamente correlato al grado di sviluppo della società in questione; ciò significa che in una società come la nostra vengono generati con pieno vigore. I media globali (Internet è il miglior esempio) sottolineano la minaccia dei media sui nostri dati più sensibili, e solo un'azione globale può affrontare una minaccia mondiale, solo un'azione congiunta internazionale è in grado di raggiungere risultati efficaci contro questi fenomeni (l'Unione europea ha già varato un meccanismo di controllo a livello comunitario: il Garante europeo della Protezione dei Dati). Il diritto alla autodeterminazione è uno strumento di lotta contro gli eccessi nell'uso delle informazioni personali da parte di terzi. La protezione dei dati personali è un diritto fondamentale che mira a preservare la riservatezza e la privacy delle persone. Ma è un diritto limitato che non deve entrare in conflitto con altri beni giuridici protetti, degni di una protezione ancora maggiore. La legislazione sulla protezione dei dati dovrebbe essere accompagnata da un quadro giuridico che garantisce anche l'esercizio della libertà di espressione e di informazione, e i media dovrebbero incontrare un ostacolo nel loro lavoro e di ricerca con la legge sulla protezione dei dati. La Corte Costituzionale ha avuto occasione di esprimersi quando vi è stato conflitto tra il diritto alla privacy personale e il diritto alla libertà d'espressione e d'informazione. La giurisprudenza sottolinea che in questi casi dovrebbe prevalere la libertà di informazione e la libertà di espressione. La libertà di parola e di stampa di cui all'articolo 20 della Costituzione protegge i mezzi di comunicazione. In caso di conflitto, dovranno essere i tribunali a decidere se c'è stata o meno un’eccessiva intromissione nella privacy delle informazioni di un soggetto e un cittadino potrà effettuare le opportune azioni legali che riterrà opportune, basandosi sui diritti fondamentali riconosciuti nell'articolo 18 della Costituzione. Tanto i media quanto i soggetti interessati da questi ultimi sono tenuti a conoscere la legge: i mezzi di comunicazione per esercitare la loro libertà di espressione e di informazione, con il massimo rispetto per i diritti delle persone interessate, devono adempiere agli obblighi legali contenuti nella LOPD e nel regolamento attuativo, specialmente per quanto riguarda i principi di qualità e sicurezza nel trattamento dei dati a loro disposizione. I cittadini invece per esigere il rispetto della legge e proteggere l'esercizio dei loro diritti fondamentali contro le intrusioni nella loro vita privata. La competenza e le buone pratiche da parte dei professionisti dell'informazione saranno utili quando si vedranno garantite da un ordinamento chiaro e un sistema sanzionatorio rigoroso e proporzionato. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle Cirilo Amorós nº 1, 1º,3a - 46004 Valencia (Spagna)
Tel: +34.647.44.21.02
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
(08/02/2012 - L.V.) Lascia un commentoUltimi commentiCita nel tuo sitoSalva in PDF

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus