SPAGNA: Formazione sulla protezione dei dati personali.

La direzione delle organizzazioni, aziende, produttori e tutti i media devono essere consapevoli che gran parte delle informazioni che si immagazzinano, rimane classificata in un livello di sicurezza medio o alto. La legislazione in materia di protezione di dati deve essere compiuta dai mezzi di comunicazione in un modo molto più severo di quello fatto finora. È necessario un sforzo comune (mezzi, interessati, Agenzie e specialisti nella materia) che elevi il grado attuale di compimento di questa normativa. È necessario un sforzo più profondo all'oggetto di adattarsi ai precetti raccolti nella LOPD e nel suo Regolamento di attuazione. Nonostante il quadro giuridico sempre più completo e le elevate multe che raccoglie la normativa, in Spagna abbiamo già esperienza in sanzioni imposte ai media o ai produttori. Forse la più conosciuta è quella in cui l' AEPD ha citato un produttore televisivo per aver commesso una violazione di legge per il trattamento dei dati personali di 7.000 candidati a partecipare al Grande Fratello, la trasmissione TV mandata in onda da Tele 5. La sanzione è stata confermata dalla Audiencia Nacional che lasciò uniformità nella sentenza di sua "più assoluta" difformità con le allegazioni esposte è stata notata nel suo dissenso "assoluto" con le pretese sollevate dalla produttrice del Grande Fratello: "La partecipazione in un programma, perfino in quello del Grande Fratello, non si può" privare "un cittadino del proprio diritto alla privacy, perché la propria libertà rimane intatta e conserva pieno diritto a che nessuno tratti, ceda o riveli i suoi dati personali.
" L'assenza di "misure di sicurezza di base", si sottolinea nella sentenza della Corte Suprema, ha portato che i dati di un "numero considerevole di candidati" a partecipare al concorso televisivo finissero per apparire in internet. L'11 luglio del 2000, un funzionario dell'Agenzia di Protezione dei Dati ha ottenuto dalla Red una tabella con 1722 registri contenenti informazioni di carattere personale. Così ebbe inizio il procedimento disciplinare nel cui iter si evidenziò "il più completo disprezzo (della produttrice televisiva) verso l'esigenza del consenso cosciente ed informato degli interessati" affinché i propri dati personali (informazione relativa a gusti, ideologia, credenze religiose, razza, salute o vita sessuale) fossero archiviati, trattati e ceduti, come evidenziò l' Audiencia Nacional e che ora ha ratificato la Suprema Corte. La produttrice non seguì il principio di qualità nel trattamento dei dati di carattere personale dei candidati a partecipare al programma. Inoltre, procedette a reclamare l'informazione riguardante interessati senza informare quale avessero archiviato e classificata in un livello di sicurezza mezzo o alto. Ciò coinvolge non solo il rispetto del principio della qualità nel trattamento dei dati personali e l'attuazione delle relative misure di sicurezza del Titolo VIII del Regolamento di attuazione della LOPD, ma anche la necessità per coloro che lavorano con tali informazioni che siano consapevoli delle responsabilità inerenti a gestire tali dati. L'istruzione continua dei lavoratori dipendenti e la loro "formazione" su tematiche in materia di privacy e sicurezza nel trattamento dei dati dovrebbe essere una priorità. E 'ovvio anche che dovranno essere prese le necessarie misure organizzative per assicurare che i server in cui sono fisicamente memorizzate le informazioni si trovano in aree protette adeguatamente attrezzate. Naturalmente, con accesso limitato. Quando il mezzo di comunicazione o l'entità può permetterselo, ed essendo consapevoli della crescente importanza della questione, non sarebbe male creare una sezione o un dipartimento incaricato della questione. Renderebbe più facile l'ambiente ogni giorno, così come rigoroso rispetto della legislazione. L'investimento nella formazione risulterebbe essere meno costoso che le sanzioni imposte dall'AEPD. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle Cirilo Amorˇs n║ 1, 1║,3a - 46004 Valencia (Spagna)
Tel: +34.647.44.21.02
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
(03/02/2012 - L.V.) Lascia un commentoUltimi commentiCita nel tuo sitoSalva in PDF

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus