Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è diffamazione offendere al telefono

Non si configura il reato di diffamazione nell?ipotesi in cui al telefono ci si sfoghi di ogni risentimento verso una persona o vengano utilizzate, contro di lei, parole pesanti. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sent. 32689/2003), precisando che il reato di diffamazione richiede, quale requisito indispensabile per la sua configurabilità, che la divulgazione del fatto offensivo avvenga, qualunque sia il mezzo utilizzato, quanto meno, nei confronti di due persone. Con questa decisione i Giudici del Palazzaccio hanno assolto, con formula piena, una donna che per ben tre mesi aveva tempestato di telefonate, giorno e notte, la presunta amante di suo marito.
(04/09/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF