Sei in: Home » Articoli

Naufragio Concordia, il Codacons invita le vittime a non accettare l'indennizzo da 10,000 euro

crociera nave
Astoi e Costa Crociere hanno svelato nel corso di una riunione svoltasi oggi a Roma l'entità del risarcimento proposto alle vittime della tragedia Costa Concordia: 10,000 euro a persona più il pagamento delle spese legali. Il Codacons, che ha riportato la notizia in un comunicato stampa, oltre a precisare che non avrebbe potuto prender parte alla riunione poiché avrebbe ricevuto l'invito soltanto 15 minuti prima dell'inizio della stessa, definisce, per bocca del proprio presidente Carlo Rienzi, l'offerta della compagnia “un'elemosina”. Secondo Rienzi, infatti, non si tratterebbe di una cifra ragionevole considerando che i cittadini sopravvissuti hanno rischiato la vita e hanno subito un danno psicologico che potrebbe lasciare strascichi per il resto della loro esistenza. Il presidente di Codacons non riesce inoltre a spiegarsi le ragioni che avrebbero portato Astoi e Costa Crociere a stabilire un indennizzo di questo tipo, considerato da lui stesso “un'ingiuria nei confronti dei passeggeri della Concordia”; si è detto inoltre contento che la sua associazione non abbia preso parte alla riunione, perché sostiene che l'avrebbe abbandonata non appena comunicata l'entità del risarcimento. L'invito rivolto dall'associazione dei consumatori ai passeggeri della Concordia è quindi quello di non accettare l'offerta proposta, e di prender parte alla class action avviata dal Codacons stesso, il quale la definisce come “l'unica strada per giungere a risarcimenti proporzionati alla gravità dell'incidente e ai danni realmente subiti dai naufraghi”.
(26/01/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF