Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il vigile ha sempre ragione. Anche se sbaglia a indicare il colore dell'auto

vigile multa contravvenzione
Il vigile che ha elevato una contravvenzione non è tenuto a ricordare tutti i particolari dell'auto indicata nel verbale di infrazione. Lo fa notare la Corte di Cassazione che ha convalidato una multa per sosta vietata recapiata a un automobilista per un presunto divieto di sosta. Il vigile aveva scritto che l'auto era parcheggiata a ridosso delle strisce pedonali ma l'automobilista sosteneva che si era trattato di un errore e che l'auto non era la sua. In effetti il vigile sentito nel corso del processo aveva sbagliato ad indicare il colore dell'auto. I giudici di piazza Cavour spiegano però che è normale che il vigile possa avere delle "incertezze" nella descrizione del veicolo.
Questo però non può bastare a mettere in dubbio la sua versione dei fatti anche perché dette incertezze sono giustificate dall'alto numero di infrazioni che può elevare ogni giorno. E così gli Ermellini con la sentenza numero n.1069/2012 hanno convalidato la multa all'automobilista spiegando che "salvo querela di falso per far valere l'erroneita' delle attestazioni del pubblico ufficiale" vale sempre la parola del vigile "sia pure con le comprensibili incertezze nei particolari giustificate dall'inevitabile alto numero di infrazioni che nel tempo rendono pressoche' impossibile ricordare tutti i particolari".
(26/01/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF