Sei in: Home » Articoli

Sicurezza delle strade, l'UNC invita Roma ad intensificare i controlli

airbag aperto
L'Unione Nazionale Consumatori (UNC), per bocca del suo segretario generale Massimiliano Dona, chiede per Roma una maggiore sicurezza delle strade, riferendosi ai numerosi incidenti stradali che avvengono per le vie della città capitolina a motivo di strade dissestate e cartellonistica abusiva. Dona ricorda il recente incidente costato la vita ad una ragazza a causa di segnaletica inefficiente, e fa inoltre riferimento alle continue segnalazioni che pervengono alle associazioni a motivo della presenza di buche, strade sconnesse, macchie d'olio e tombini rialzati, fattori che rendono pericolosa la strada non solo per automobilisti e conducenti di moto e scooter, ma talvolta anche per i pedoni. Fabrizio Fagioli, legale dell'Unione Nazionale Consumatori, ricorda che la responsabilità in questi casi è del Comune stesso, ente proprietario della strada e in dovere di impedire che la manutenzione delle strade sia trascurata; per quanto riguarda la presenza cartelloni stradali pericolosi, le cause sarebbero invece da ricercarsi, secondo l'avv. Fagioli, nell'abusivismo, nei controlli negligenti e nelle troppe deroghe al Codice della Strada. La richiesta che l'associazione fa all'amministrazione comunale della capitale e al Governo, per mano dello stesso Fagioli, è quella di sanzionare e radiare le aziende che hanno installato impianti abusivi, procedendo alla loro rimozione a spese delle ditte installatrici; secondo l'associazione, inoltre, i Comuni dovrebbero controllare che le regole e il Codice della Strada siano rispettati, e le irregolarità e le negligenze regolarmente denunciate.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/01/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF