Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'ex coniuge convive stabilmente? Stop ad alimenti

L'ex coniuge che va a convivere stabilmente perde automaticamente il diritto agli alimenti. Lo stop all'assegno vale solo se la convivenza e' ''seria'', ''duratura'', ''esclusiva''. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione occupandosi della vicenda di una signora lombarda, 50enne e senza un lavoro, che dopo la separazione dal marito era andata a convivere stabilmente con un imprenditore comasco. All'ex marito, in sede di divorzio, i giudici avevano imposto un assegno di 600 euro mensili come mantenimento della moglie (oltre a 400 euro al mese per i due figli maggiorenni ma non autosufficienti a lei affidati). Ma per la Cassazione la donna non ha piu' diritto agli alimenti.
Il motivo? ''Allorche' la convivenza 'more uxorio' si caratterizza per stabilita', continuita' e regolarita' - scrivono i supremi giudici nella sentenza 1975 - tanto da assumere i connotati della cosiddetta famiglia di fatto caratterizzata dalla libera e stabile condivisione di valori di vita, il parametro di valutazione dell'adeguatezza dei mezzi economici a disposizione dell'ex coniuge non puo' che registrare una tale evoluzione, recidendo ogni plausibile connessione con il tenore e il modello di vita economico caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale''. Il principio vale ''finche' tale convivenza duri e fermo restando - annota ancora la Prima sezione civile - in questa fase, la perdurante rilevanza del solo eventuale stato di bisogno, ove non compensato all'interno della convivenza''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/08/2003 - Adnkronos)
Le pi lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF