Sei in: Home » Articoli

Sicurezza viaria - Educazione stradale - Imparare a guidare nelle parole del collaudatore Giuseppe SPIRIDIGLIOZZI

auto guida traffico autovelox multe
POSTA e RISPOSTA n.212 prende l'abbrivio con il post inviato dal nostro lettore Collaudatore del Ministero della Difesa GIUSEPPE SPIRIDIGLIOZZI (mail fuser58@teletu.it) che alle h.6:27 di ieri, 15 gen '12, esprime le considerazioni che seguono: "ritengo che non sia la velocità la sola causa degli incidenti anzi quando un veicolo che va veloce provoca un incidente quasi sicuramente lo ha avuto con un veicolo guidato in modo inappropriato; mi spiego meglio; se il limite di velocità su un autostrada è di 130 km orari, se sulla corsia di sorpasso viaggiano due veicoli, uno a 145 km ora e uno a 80 quale dei due è più pericoloso? poi se con un veicolo a velocità limitata vado in Germania dove non ci sono limiti di velocità? e non mi pare che in Germania ci siano più incidenti che da noi. Educazione stradale, ci vuole altro che parlare solo e sempre di limiti, bisogna imparare a "guidare" non a "portare" la macchina. Il 90 percento dei guidatori non ha la cognizione di cosa voglia dire circolare in maniera civile, al di la della velocità, quanti incidenti mortali ci sono in città a basse velocità per imperizia o distrazione? Spiridigliozzi Giuseppe non avvocato ma collaudatore presso il ministero della difesa da 35 anni". - Grazie, Peppino, ad multos annos!
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/01/2012 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF