Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non si può mandare a quel paese il vicino che bussa ripetutamente alla porta a tarda ora

porta
Arriva un nuovo giro di vite della Cassazione contro il degrado del linguaggio che si diffonde sempre di più nei rapporti tra i cittadini. C'è troppa inciviltà, spiega la Corte, ed occorre imparare a moderare termini. Nel caso esaminato da piazza Cavour è stata confermata una condanna per ingiuria inflitta ad una donna che aveva mandato a quel paese una vicina di casa. La vicina aveva suonato ripetutamente al campanello alle 10 della sera protestando per i rumori che non facevano dormire il suo bambino di otto mesi. Insomma per i Supremi giudici il fatto di aver suonato insistentemente a tarda ora non giustifica quel "vaffa" peraltro accompagnato da altri improperi. Con la sentenza n.48072/2011 la Corte ha quindi confermato sia la condanna penale per ingiuria sia la condanna al risarcimento del danno inflitte dai giudici di merito. Secondo la Cassazione non si tratta solo di maleducazione e quegli insulti non possono essere liquidati come uno semplice sfogo dovuto a un'asserita invadenza dell'altra parte ma sono indice di vero e proprio disprezzo. Allo stesso tempo la Corte fa notare il semplice fatto di aver bussato più volte alla porta non può considerarsi un fatto ingiusto tale da poter legittimare una simile reazione. La richiesta di non fare rumore quindi non costituisce "un fatto ingiusto al quale reagire in stato d'ira con frasi ingiuriose".
(28/12/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Gli elementi del reato
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Canone Rai: ancora 6 giorni per chiedere l'esenzione
In evidenza oggi
Animali: in arrivo pene più severe per chi li maltrattaAnimali: in arrivo pene più severe per chi li maltratta
Separazione: le mail inviate dall'amante provano il tradimentoSeparazione: le mail inviate dall'amante provano il tradimento
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo