Sei in: Home » Articoli

Limiti e velocità espressi in numeri romani - L'idea di Raffaele PERNA

autovelox
Poteva POSTA e RISPOSTA n°184 andarsene in ferie natalizie? Impossibile. Allora ecco RAFFAELE PERNA che alle h.19:39 del 25 dic '11 sforna un'idea semi-rivoluzionaria che sarà il caso di sottoporre al popolo del web e di Studio Cataldi in particolare. A te la parola, carissimo Raffaele: "Da un po' di tempo mi frulla in testa quest'idea: i limiti di velocità andrebbero segnalati non in km/h ma con numeri romani da I a V oppure VI, quindi, in fase di omologazione a ogni veicolo, in funzione dei dispositivi di sicurezza di cui è dotato, viene assegnata una velocità massima a ogni numero romano (da riportare magari sul tachigrafo) a questo punto in autostrada la velocità sarà indicata con VI a cui sarà abbinata la velocità di 150 km/h ad un veicolo ricco di dispositivi di sicurezza e 120 km/h alla vecchia Panda di 30 anni fa, mentre su una statale, ad esempio, la velocità IV potrebbe corrispondere rispettivamente a 100 e 70 km/h. Se qualcuno contesta che i ricchi potrebbero correre di più si può rispondere che i dispositivi di sicurezza hanno un costo su cui si paga una profumata IVA che va alla collettività anche a chi può permettersi, purtroppo, solo una Panda." - Mica male.
(27/12/2011 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF