Sei in: Home » Articoli

Suicidio assistito equiparabile ad ABORTO - Tesi di un lettore di Studio Cataldi dal Regno Unito

bosco piante
POSTA e RISPOSTA n°164 è dedicata alla contrapposizione creata dal gesto di Lucio MAGRI; alle h.14:04 dell'8 dic '11 il nostro visitatore (oppure visitatrice, fa niente ovviamente) alfa1iemot@yahoo.co.uk incrementa il dibattito cui aveva partecipato anche la cara Mina WELBY con il seguente post: "Il problema è in effetti molto delicato e complesso, non credo possa essere risolto in poche righe attaccandosi a interpretazioni più o meno sofisticate del codice penale attuale. Giusto per fare un esempio, anche l'aborto può essere equiparato ad un omicidio, e il fatto che il codice penale non lo contempli come tale in certe situazioni non ha un grande peso sul piano logico. Quello che vorrei dire è che il codice penale non è lo strumento giusto per impostare questo dibattito.
Si tratta anzitutto di un problema filosofico morale e da questi aspetti bisogna partire per affrontarlo. Il fatto che qualcuno si presenti per organizzare il proprio funerale e che questo sia per qualcuno un fatto raggelante mi sembra decisamente secondario". La questione è ovviamente aperta ed assai delicata e complessa, come hai scritto in apertura.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/12/2011 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF