Sei in: Home » Articoli

Bioetica: approvato documento "Farmaci orfani per le persone affette da malattie rare”

pillole id10291
È stato provato dal Comitato Nazionale per la bioetica il documento "Farmaci orfani per le persone affette da malattie rare”, redatto dal Prof. Silvio Garattini. Si tratta di un documento che mette in luce le difficoltà delle persone affette da malattie rare per le quali gli aiuti sono ancora pochi e, spesso, le terapie risultano inesistenti. A fronte di più di 6000 malattie rare, attesta il documento, sarebbero solo una settantina i farmaci che sono stati resi disponibili in oltre 10 anni. Il problema è che quando una malattia è rara, difficilmente le industrie farmaceutiche sono disposte a investire dato che non vi sarebbero poi adeguati ritorni economici. Si tratta di un problema che andrebbe affrontato a livello europeo ed internazionale.
Ciò che si richiede è un aiuto in favore delle famiglie dato che spesso queste malattie colpiscono i bambini e si raccomanda quindi a livello europeo, di investire risorse nella ricerca di strumenti diagnostici e di nuovi farmaci dando impulso alla sperimentazione nel rispetto delle regole etiche.
(27/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF