Sei in: Home » Articoli

Nuove risorse per il programma europeo di aiuto agli indigenti

povero povertÓ
Arrivano nuove risorse per il PEAD, il Programma europeo d'aiuto agli indigenti. Lo rende noto il dipartimento politiche europee spiegando che il programma ha l'obiettivo "di donare le scorte in eccedenza di prodotti agricoli alle associazioni caritative che aiutano gli indigenti". Ufficializzato sin dal 1987, il programma garantisce attraverso associazioni attive in Europa la distribuzione di cibo a 18 milioni di poveri che vivono nell'UE. Ora il Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura dei 27 riuniti a Bruxelles ha sbloccato i piani di assistenza 2012 - 2013 che prevedono lo stanziamento di 500 milioni di euro l'anno.
Inizialmente il programma si basava sulla redistribuzione della produzione eccedente dell'agricoltura europea. Ci sono state poi diverse revisioni della PAC per cui le eccedenze si sono progressivamente ridotte e questo ha indotto la commissione UE a finanziare direttamente l'acquisto di cibo. La Commissione europea - spiega il Dipartimento politice Europee - "ha giÓ proposto che nel bilancio UE 2014-2020 il programma alimentare debba essere coperto non pi¨ con i fondi della politica agricola, ma con quelli di coesione, prevedendo giÓ 2,8 miliardi di euro per i sette anni".
(18/11/2011 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Assegno sociale: Ŕ compatibile con la pensione di reversibilitÓ?
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
In evidenza oggi
Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate RiscossioneNiente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF