Sei in: Home » Articoli

DDL stabilità: CNF, ancora troppe le previsioni che ostacolano l'accesso alla giustizia

cnf id10294
Il Consiglio Nazionale Forense, commentando il testo del maxiemendamento al ddl stabilità esprime le sue perplessità per il fatto che sarebbero state accolte solo alcune delle obiezioni mosse dagli avvocati. "Vi e' stato qualche opportuno ripensamento dell'ultima ora - spiega il CNF - su norme contro le quali il Consiglio e' insorto con immediatezza. In particolare, il Governo ha espunto dal testo definitivo l'anticipo dell'entrata in vigore della mediazione anche per le materie finora escluse (condominio e risarcimento danni da circolazione autoveicoli); e non ha inserito quella disposizione, contraria a ogni principio di civilta' giuridica, della motivazione lunga 'a pagamento'". Quello che non va, secondo il CNF, è che si mantengono ancora alcune previsioni "che ostacolano l'accesso alla giustizia da parte dei cittadini" Tra queste le norme "che dispongono l'aumento del contributo unificato per i processi di appello e Cassazione o che introducono la multa fino a 10.000 euro in caso di rigetto della istanza di sospensione dell'esecutivita' della sentenza di primo grado". Per quanto riguarda poi le previsioni in materia di società tra professionisti, ci sono interventi peggiorativi, dato che si prevede la possibilità che i soci di capitale possono essere anche di maggioranza. Questo rischia di far perdere autonomia e indipendenza ai professionisti che rischiano di cedere di fronte alla maggiore forza del grande capitale.
Altre informazioni su questo argomento
(12/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF