Sei in: Home » Articoli

Tar Lazio da ragione al Codacons: stop alle auto blu per regioni e comuni

auto blu strada rc autovelox
Buone notizie in tempi di crisi: il Tar del Lazio ha dato ragione al Codacons accogliendo un ricorso con il quale l'Associazione aveva impugnato il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3 agosto 2011 nella parte in cui allargava la platea dei beneficiari delle Auto blu. Benché sulla carta il decreto si ponesse l'obiettivo di razionalizzare l'utilizzo delle auto di Stato e di limitarne i costi, di fatto escludeva dall'ambito di applicazione le regioni e gli altri enti locali che pertanto si sono trovate senza alcun tipo di limitazione. Il tribunale regionale accogliendo il ricorso ha fatto notare che il fatto di avere escluso Regioni ed Enti Locali "non solo non trova fondamento nella norma primaria in pretesa attuazione della quale il Decreto presidenziale è stato emanato, ma neppure rivela profili di ragionevolezza e logicità con immediatezza apprezzabili, atteso il considerevole onere riveniente per le finanze pubbliche dall'utilizzo di mezzi di servizio proprio con riferimento a tali soggetti'. Ora, sulla base di quanto disposto il Tar il presidente del consiglio dovrà rivedere il decreto individuare in modo più con loro i soggetti che possono beneficiare delle auto blu.
(11/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» È legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Condominio: acquirente obbligato in solido per cinque anni
» Decreto ingiuntivo: i requisiti per l'opposizione tardiva
» Pec: notifiche valide solo agli indirizzi risultanti da pubblici registri
In evidenza oggi
Decreto vaccini: è leggeDecreto vaccini: è legge
Ombrellone lasciato in spiaggia? Multa e anche reatoOmbrellone lasciato in spiaggia? Multa e anche reato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF