Sei in: Home » Articoli

La clausola "per conoscenza e garanzia" negli assegni non trasferibili

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n. 9103 del 6 giugno scorso, ha affermato che la girata per l'incasso di un assegno non trasferibile ad un banchiere diverso dal trattario, identificata nella clausola per conoscenza e garanzia, apposta dal proprio cliente dopo che il titolo Ŕ stato girato dal prenditore apparente, Ŕ illegittima. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti decretato che tale operazione viola l'articolo 43 primo comma legge sugli assegni che obbliga la banca negoziatrice, nell'esecuzione del mandato conferito, all'osservanza dei doveri di diligenza e cautela in ordine alla verifica della correttezza e regolaritÓ della emissione e circolazione del titolo pervenutole.
La violazione di tale dovere determina responsabilitÓ risarcitoria, congiuntamente a quella della banca trattaria, la cui comparazione ha rilievo in sede di graduazione delle incidenze causali di ciascuna nella produzione dell'evento.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2003 - Marina Demaria)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza Ŕ remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF