Sei in: Home » Articoli

La possibilitÓ di cambiare il datore di lavoro una volta richiesto il nulla osta al lavoro.

immigrazione_26807 id11029
Secondo la circolare del 7 luglio 2006, Prot. n. 2570, sentito il Ministero della SolidarietÓ Sociale, il Ministero dell'Interno ha evidenziato i casi in cui Ŕ possibile cambiare datore di lavoro una volta richiesto il nulla osta. Queste le ipotesi: - Decesso del datore di lavoro; - Cessazione dell'azienda nelle more del rilascio del nulla osta. Nella prima ipotesi Ŕ prevista la possibilitÓ del subentro, quale parte contrattuale, di un componente della famiglia del defunto, nel caso naturalmente di lavoro domestico. Nella seconda ipotesi dovrÓ subentrare una nuova azienda che a tutti gli effetti di legge rileverÓ l'azienda che originariamente aveva presentato la richiesta di assunzione, semprechŔ ci sia l'effettiva volontÓ di avvalersi di tale facoltÓ. Il datore di lavoro subentrante dovrÓ presentare allo Sportello unico per l'immigrazione competente una nuova richiesta facendo riferimento alla istanza presentata precedentemente, seguendo la procedura prevista per l'assunzione del cittadino straniero.
In tal caso lo Sportello unico provvederÓ alla modifica dei dati del richiedente e alla verifica dei requisiti richiesti. E' prevista anche la possibilitÓ di un permesso per attesa occupazione del periodo di sei mesi per il cittadino straniero che , una volta giunto in Italia, non venga pi¨ assunto dal datore di lavoro per mancanza di volontÓ da parte di quest'ultimo. Il consiglio che vorrei dare ai cittadini stranieri che si trovassero di fronte ad una delle ipotesi elencate, soprattutto nel caso di volontÓ contraria del datore di lavoro all'assunzione, Ŕ quello di evitare di sporgere querele presso gli uffici delle Questure. A ben vedere vi sono rimedi molto pi¨ semplici e veloci, che nella maggior parte dei casi possono porre rimedio ad una situazione solo in parte compromessa.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/11/2011 - Marco Spena)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF