Sei in: Home » Articoli

Inail: al via l'applicazione per iPad con i dati del rapporto annuale

chat telematico touch screen tablet computer
l'Inail ha appena reso disponibile una nuova applicazione per iPad scaricabile gratuitamente dall'Apple Store, che consente di accedere ai dati del rapporto annuale dell'INAIL. Attraverso l'applicazione, stata sviluppata con il contributo tecnologico di Telecom Italia, è possibile scaricare il file PDF del rapporto annuale cartaceo ed è possibile accedere a una serie di grafici per esplorare i dati in modo semplice e intuitivo. Una parte dei grafici indica l'andamento degli infortuni, dei casi mortali e delle malattie professionali nel medio periodo, mentre altri grafici analizzano i dati annuali mettendo a confronto i dati del 2010 con quelli registrati nel 2009. Ad ogni grafico è associato un testo riepilogativo con varie possibilità di approfondimento. Un'icona consente anche la condivisione dei contenuti che possono essere inviati via email o postati su Twitter. Ma non basta: l'Inail annuncia che l'applicazione per iPad del rapporto annuale è solo "il primo passo di un processo più articolato di apertura ai terminali mobili che prevede ulteriori sviluppi e rappresenta uno dei tasselli che compongono INAIL Mobile, il progetto promosso dall'Istituto in risposta alla diffusione sempre più capillare di tablet e smartphone e alla necessità di comunicare con i propri utenti in modo diretto, chiaro, veloce ed esaustivo".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF