Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è reato mettere screditare il livello culturale di una persona

giudice sentenza martello
Anche il solo fatto di mettere in dubbio il livello culturale di una persona può costituire reato. Lo ha stabilito la corte di cassazione specificando che una simile invettiva anche se espressa in forma "impersonale" può far scattare una condanna per diffamazione. Nel caso esaminato la quinta sezione penale della Corte l'offesa era stata rivolta a una persona preposta alla tutela del patrimonio culturale. La Corte ha così confermato una sentenza di condanna inflitta al presidente di una fondazione che era finito sotto processo per diffamazione per il fatto di aver inviato un fax ad un giornalista di un quotidiano bresciano con espressioni che avevano leso la reputazione del presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani screditandone la levatura culturale. Ricostruendo il fatto gli Ermellini nella sentenza numero 36863/2011 fanno notare che l'imputata si era sfogata attraverso un fax affermando che "da Pescara era arrivata una lezione inutile.
Il Vittoriale - aveva scritto - continua la sua fortunata avventura mentre la fondazione pescarese ha cessato di esistere da un pezzo. In realta', gente incolta avvelenata da malafede intende colpire il Vittoriale e chi lo gestisce". Sentitosi direttamente colpito il presidente del centro studi ha fatto partire una denuncia che si è conclusa con la condanna sin dal primo grado di giudizio per diffamazione con tanto di risarcimento danni.
Altre informazioni su questo argomento
(18/10/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF