Sei in: Home » Articoli

INPS: obbligo di versamento del contributo di finanziamento dell'indennità economica di malattia

inps id9672.png
L'INPS, con circolare n. 122 del 28 settembre 2011, fornisce i criteri di applicazione dell' articolo 20, comma 1, del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni nella L. 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall'art. 18, comma 16, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni nella L. 15 luglio 2011, n. 111, regolante l'obbligo di versamento del contributo di finanziamento dell'indennità economica di malattia. L'Istituto sottolinea che il legislatore, nonostante l'orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità e l'intervento chiarificatore della Corte Costituzionale e nel perdurare del contenzioso amministrativo e giudiziario, ha ritenuto opportuno intervenire nella materia con le disposizioni di cui all'art. 20, comma 1, del D.L. 25 giugno 2008 n. 112 Con tale norma, d'interpretazione autentica del secondo comma dell'art. 6 della L. n. 138/1943, il legislatore ha stabilito l'esonero dal pagamento della contribuzione di malattia, in favore dei datori di lavoro tenuti a corrispondere, per legge o per contratto collettivo, il trattamento economico di malattia consentendo, nel contempo, la definizione delle situazioni di contenzioso, amministrativo e giudiziario, ancora pendenti per gli stessi periodi. Con l'art. 18, comma 16, del D.L. n. 98/2011, convertito con modificazioni nella legge n. 111/2011, il legislatore è nuovamente intervenuto sulla disciplina del contributo di malattia, modificando il testo dell'articolo 20, comma 1, del D.L. n. 112/2008, ed inserendo un comma 1-bis con il quale si dispone che, a decorrere dal 1° maggio 2011, anche i datori di lavoro che hanno corrisposto per legge o per contratto collettivo, anche di diritto comune, il trattamento economico di malattia, sono obbligati a versare la contribuzione di malattia come stabilito dall'art. 31 della legge n. 41/1986. Quindi, a far tempo dal 1° maggio 2011, l'obbligo di versamento del contributo di malattia è riaffermato in via generale per tutti i datori di lavoro indicati nella tabella G di cui alla legge n. 41/86, con riferimento ai lavoratori aventi diritto all'indennità economica di malattia, individuati dalla vigente normativa.
(04/10/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF