Sei in: Home » Articoli

CARCERE - Non dimentichiamoci di Abele

prigione detenuto
LUCA TAGLIETTI è il protagonista del POSTA e RISPOSTA n°118; il nostro affezionato lettore alle h.14:27 del 15 set '11 così ci scrive in relazione al P&R pubblicato il 9 set '11: "Che le carceri siano luoghi scomodi, mi pare debba essere pure doveroso, se non altro per far riflettere che rischia di finirci dentro con comportamenti contrari al diritto penale. Osservo che se la popolazione carceraria italiana fosse di 20.000 unità, e non di oltre 60.000 persone, probabilmente starebbero più larghi. Forse a qualcuno sfugge che in Italia si finisce in carcere raramente, e in pochissimi casi si resta dentro a scontare la pena.
Osservo che chi ha scritto la lettera 107 ha precisato di essere innocente, pur stando agli arresti domiciliari. Un paradosso tutto italiano? Siamo tutti innocenti! Allora chiudiamo le carceri! Visto che ci sono, se i detenuti vogliono avere migliori condizioni di vita in carcere, se le paghino con il lavoro. Meno male che non esistono più i lavori forzati! Insomma, tutti pensano a Caino, radicali in testa, ma chi pensa ad Abele ed ai suoi familiari? Distinti saluti". - Il dibattito sulla situazione CARCERARIA italiana continua sul nostro form.
(21/09/2011 - Avv.Paolo Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF