Sei in: Home » Articoli

Cadete dal viadotto? La responsabilitÓ potrebbe essere della SocietÓ Autostrade

La Corte d'Appello di Ancona, in tema di risarcimento danni, con la sentenza del 25/02/2002, prima nel suo genere almeno in Italia, ha riconosciuto la responsabilitÓ della SocietÓ Autostrade del singolare incidente, avvenuto sull'A/14, che Ŕ costato la paresi ad un giovane ventitreenne. Questi, sceso dall'auto in cui si trovava come passeggero, a causa di un tamponamento, per evitare di essere investito da altre vetture, aveva scavalcato la barriera divisoria delle due corsie e, inaspettatamente, era precipitato nel vuoto. La sentenza chiarisce che al fine di accertare le responsabilitÓ, occorre distinguere le conseguenze dirette di un tamponamento, che sono da addebitare all'automobilista responsabile dalle conseguenze indirette e imprevedibili! Queste ultime secondo la Corte vanno addebitate alla SocietÓ Autostrade.
L'impianto motivazionale della sentenza poggia sul rilievo che la SocietÓ Autostrade, pur avendo adempiuto all'onere richiesto dalla Legge circa la necessaria segnaletica indicante la presenza del viadotto, non avrebbe adottato cautele idonee a impedire il verificarsi dell'evento! Difatti la segnaletica Ŕ visivamente limitata al solo conducente dell'auto e non anche agli altri passeggeri; ed Ŕ per questo che la SocietÓ avrebbe dovuto posizionare delle reti metalliche (cosý come giÓ fatto in altre zone considerate "a rischio") utili anche ad evitare il lancio di oggetti pericolosi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/03/2002 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Avvocato e notaio: ecco le professioni pi¨ noiose
» Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
In evidenza oggi.
Al via gli sportelli per fare ricorso senza avvocati
Avvocati: via libera ai 6 mesi di pratica anticipata per i laureandi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF