Sei in: Home » Articoli

Criteri equitativi nella valutazione e liquidazione del danno morale

Il danno morale si può liquidare soltanto in base a criteri equitativi. Lo ha stabilito la Cassazione civile, sez. III, 16 giugno 2003, n. 9626, con la conseguenza che "il giudice del merito, non è tenuto a fornire una dimostrazione minuziosa e particolareggiata di ciascuno degli elementi in base ai quali ha formato il proprio convincimento". Nel motivare tale liquidazione, quindi, "è sufficiente che si dimostri di avere tenuto presenti tutti gli elementi di fatto acquisiti al processo".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/07/2003 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF