Sei in: Home » Articoli

Lavoro: Cassazione, la reperibilità in giorno destinato al riposo non da diritto automaticamente al risaricmento dei danni psicofisici

uomo triste lavoro id9789
"L'obbligo di mera disponibilità non seguito dal godimento del riposo compensativo è situazione diversa dalla prestazione di lavoro resa nel giorno destinato al riposo, e non vi è alcuna ragione per ritenere che esso sia di per sé idoneo ad incidere sul tessuto psicofisico del lavoratore così da configurare un danno in re ipsa". E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 18310 del 7 settembre 2011, ha rigettato il ricorso di un dipende di un'Azienda Sanitaria, avverso la sentenza della Corte di Appello che, confermando la decisione del giudice di primo grado, aveva rigettato la domanda del dipendente, volta ad ottenere il risarcimento del danno derivato dall'usura psicofisica subita per le giornate lavorative effettuate nei giorni destinati a riposo compensativo a seguito di turno di reperibilità prestato in giorno festivo.
In particolare la Suprema Corte ha affermato che "è certo possibile che il disagio patito per la reperibilità in giorno festivo non seguita da effettiva attività lavorativa assuma dimensioni tali da incidere sul piano psicofisico del lavoratore che non possa godere del riposo compensativo, trasformandosi in danno da usura psicofisica ma a tal fine non è sufficiente la mera deduzione di non aver potuto godere appieno il giorno festivo per il connesso impegno di reperibilità, essendo necessario allegare e provare il danno che tale reperibilità ha prodotto. Né è il datore di lavoro a dover dimostrare, diversamente che nel caso di reperibilità attiva, l'idoneità dei benefici contrattuali a fornire l'integrale ristoro per il mancato recupero delle energie psicofisiche del lavoratore, essendo invece quest'ultimo a dover provare che la mera reperibilità passiva non seguita da riposo compensativo sia stata produttiva di un danno".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/09/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF