Sei in: Home » Articoli

Cassazione: annullabili dimissioni del lavoratore se rassegnate in stato di incapacità naturale

lavoro sicurezza
In materia di estinzioni del rapporto di lavoro subordinato, con la sentenza n. 17977/2011 la sezione lavoro della Corte di Cassazione ha stabilito che risulta legittimo annullare le dimissioni del lavoratore laddove emergano seri indizi che lo stesso le abbia rassegnate in uno stato di incapacità naturale. Secondo quanto emerge dalla motivazione data dai giudici di legittimità, l'incapacità naturale del lavoratore dipendente può ben rilevare come causa di annullamento delle sue dimissioni: non è infatti necessario che si abbia la totale privazione delle facoltà intellettive e volitive, ma risulta sufficiente che tali facoltà risultino diminuite in modo tale da impedire oppure ostacolare una seria valutazione dell'atto e la formazione di una volontà cosciente, facendo quindi venir meno la capacità di autodeterminazione del soggetto e la consapevolezza in ordine all'atto che sta per compiere.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/09/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF