Sei in: Home » Articoli

Confcommercio: mercati liberalizzati riducono inflazione

confcommercio
Nonostante la crescita dell'inflazione dovuta alle tensioni sui prezzi dell'energia, dei tabacchi e dei servizi di trasporto, con l'aggiunta della spinta che arriva dal settore delle assicurazioni, la stima sulla variazione dei prezzi complessiva per il 2011 resta al 2,7%. Si tratta di un dato che secondo l'Ufficio Studio Confcommercio, questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio alle stime sui prezziconferma "il ruolo disinflazionistico dei beni e servizi offerti sui mercati liberalizzati, come nel caso degli alimentari freschi e dei servizi ricettivi e di ristorazione". Per questi, spiega Confcommercio, in agosto si è registrata una "diminuzione congiunturale dello 0,4% che ha portato la variazione tendenziale relativa al settore all'1,8%, un punto in meno rispetto alla variazione dell'indice generale". Dati che vallo netti (secondo l'ufficio studi) in modo positivo al pari di quelli relativi al mercato del lavoro (a luglio +36.000 occupati rispetto a giugno e +132.000 rispetto al minimo storico di agosto 2010).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF