Sei in: Home » Articoli

Manovra: Cgia, con abolizione province rimarrebbe 96,1% della spesa

euro soldi
Anche nell'ipotesi in cui si dovessero abolire le province italiane, il risparmio effettivo sarebbe molto esiguo. Lo afferma in un comunicato stampa la Cgia di Mestre. Secondo l'Associazione "sugli oltre 13 miliardi che vengono spesi nel nostro Paese, in totale, per tutte le Province, il risparmio sarebbe appena superiore ai 500 milioni, pari appunto al 3,90% del totale". In sostanza resterebbe il 96,1% della spesa. A queste conclusione la Cgia è pervenuta analizzando in dettaglio le spese delle amministrazioni provinciali in ogni regione. Come spiega Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA "l'abolizione delle amministrazioni provinciali farebbe risparmiare, nel breve periodo, solo le voci di spesa riguardanti i costi della politica, che rappresentano in realtà solo una minima parte: le funzioni, oggi in capo alle Province, e soprattutto i relativi costi di gestione e di personale, andrebbero a gravare sugli altri Enti locali che si accollerebbero le funzioni delle Amministrazioni provinciali".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/09/2011 - N.R.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF