Sei in: Home » Articoli

Consenso informato e dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari

E? stato presentato in Senato, lo scorso 2 luglio, il disegno di legge (Ddl. Senato 2279) contro il cd. accanimento terapeutico.
La proposta tende a riconoscere il diritto di ciascuno individuo malato a dire basta alle cure indesiderate. Ciò potrà essere reso possibile, secondo il progetto presentato, predisponendo un vero e proprio testamento biologico nel quale indicare le proprie volontà.
Nel provvedimento si ribadisce infatti, il principio della autodeterminazione nel campo delle cure mediche e la consapevolezza che ogni individuo ha il diritto di essere protagonista delle scelte riguardanti la propria salute, sia nel senso di accettare che in quello di rifiutare i vari interventi medici, così come sancito dall?articolo 32, co. 2^, della Costituzione "nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge".
Ecco le novità del progetto di legge:

Articolo 1.
1. Ogni persona capace ha il diritto di conoscere i dati sanitari che la riguardano e di esserne informata in modo completo e comprensibile, in particolare riguardo la diagnosi, la prognosi, la natura, i benefici ed i rischi delle procedure diagnostiche e terapeutiche suggerite dal medico, nonché riguardo le possibili alternative e le conseguenze del rifiuto del trattamento.
2. Salvo il caso in cui la persona rifiuti esplicitamente le informazioni effettuate ai sensi del comma 1, l?obbligo del medico di informare sussiste anche quando particolari condizioni consiglino l?adozione di cautele nella comunicazione. In tal caso, chi informa deve tener conto delle condizioni complessive, anche psicologiche, del paziente e consultarne i congiunti stretti.

Articolo 2.
1. Ogni persona capace ha il diritto di prestare o di negare il proprio consenso in relazione ai trattamenti sanitari che stiano per essere eseguiti o che siano prevedibili nello sviluppo della patologia in atto. La dichiarazione di volontà può essere formulata e restare valida anche per il tempo successivo alla perdita della capacità naturale. Il rifiuto deve essere rispettato dai sanitari, anche qualora ne derivasse un pericolo per la salute o per la vita, e li rende esenti da ogni responsabilità, indipendentemente da qualunque disposizione di legge vigente prima della data di entrata in vigore della presente legge.
2. In caso di ricovero ospedaliero la dichiarazione di volontà di cui al comma 1 deve essere annotata nella cartella clinica del paziente e da questi sottoscritta.

Articolo 3.
1. Ogni persona capace ha il diritto di esprimere il proprio consenso o il proprio rifiuto in relazione ai trattamenti sanitari che le potranno in futuro essere prospettati. La dichiarazione di volontà può essere formulata e restare valida anche per il tempo successivo alla perdita della capacità naturale.
2. Ogni persona capace può indicare una persona di fiducia la quale, nel caso in cui sopravvenga uno stato di incapacità naturale valutato irreversibile allo stato delle conoscenze scientifiche, diviene titolare in sua vece dei diritti e della facoltà di cui agli articoli 1 e 2; il fiduciario può essere revocato in qualunque momento.
3. La volontà del soggetto in merito ai trattamenti sanitari, sempre revocabile, è dichiarata con atto scritto di data certa e con sottoscrizione autenticata. Per coloro che si trovano in istituto di ricovero o di cura, la sottoscrizione può essere autenticata dal direttore sanitario. Nelle medesime forme deve essere formulata l?accettazione della persona di fiducia designata ai sensi del comma 2.
4. Qualora una persona si trovi in stato di incapacità naturale irreversibile, e non abbia nominato una persona di fiducia ai sensi del comma 2, il giudice tutelare, su segnalazione dell?istituto di ricovero o cura, ovvero di chiunque sia venuto a conoscenza dello stato di incapacità, provvede a tale nomina.

Articolo 4.
1. Nel caso in cui vi sia divergenza tra le decisioni della persona nominata ai sensi dell?articolo 3, commi 2 e 4, e le proposte dei sanitari, è possibile il ricorso senza formalità, da parte dei soggetti in conflitto o di chiunque vi abbia interesse, al giudice del luogo dove si trova la persona incapace.
2. Il giudice di cui al comma 1 decide con ordinanza, assunte, se necessario, sommarie informazioni. Per quanto compatibili si applicano le norme di cui agli articoli da 669-sexies a 669-quaterdecies del codice di procedura civile.
3. Nei casi in cui risultino le dichiarazioni di volontà di cui all?articolo 3, commi 1 e 2, il giudice decide conformemente ad esse.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF