Sei in: Home » Articoli

Cassazione: responsabile il datore di lavoro che non verifica, prima dell'assunzione, l'effettivo rilascio del permesso di soggiorno

"La responsabilità del datore di lavoro che assume alle proprie dipendenze uno straniero privo del permesso di soggiorno non è esclusa dalla buona fede invocata per aver preso visione della richiesta di permesso di soggiorno avanzata dallo straniero". E' quanto ribadito dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 32934 del 31 agosto 2011, ha affermato la responsabilità di un datore di lavoro, già condannato nei primi due gradi di giudizio, che aveva assunto alle proprie dipendenze due lavoratori stranieri fidandosi di "assicurazioni verbali dei due soggetti assunti senza pretendere l'esibizione del prescritto permesso di soggiorno". La Suprema Corte ha confermato così la sentenza della Corte d'Appello la quale ha ritenuto sussistente l'elemento psicologico dell'illecito "per avere l'imputato colpevolmente omesso di verificare, prima dell'assunzione, l'effettivo rilascio del permesso di soggiorno". I giudici di legittimità hanno inoltre sottolineato che, l'avvenuta regolarizzazione della posizione dei lavoratori stranieri successivamente all'accertamento dell'illecito, anche a seguito dell'adesione della Romania all'Unione Europea, non esclude la sussistenza della condotta antigiuridica del datore di lavoro né la punibilità del reato a lui contestato.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/09/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Ddl salvaciclisti: multe fino a 651 euro per chi sorpassa a meno di un metro e mezzo di distanza
» Catasto: è gratuita la consultazione delle visure
» PAS: non è una patologia ma un comportamento illecito
» WhatsApp: solo 2 minuti di tempo per cancellare i messaggi
» Diritto di famiglia: è possibile imporre al minore di frequentare l'altro genitore?
In evidenza oggi
Equitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nullaEquitalia: senza prova della notifica delle cartelle la procedura esecutiva è nulla
Migranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova leggeMigranti: i minori non potranno mai essere respinti. Ok alla nuova legge
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF