Sei in: Home » Articoli

Ministero del Lavoro: collocamento obbligatorio ex L. n. 68/1999 e trasferimento di azienda

Il Ministero del Lavoro in risposta all'interpello n. 30 del 2011, avanzato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine dei consulenti del lavoro, interviene in merito alla corretta interpretazione dell'art. 3, comma 2, L. n. 68/1999, avente ad oggetto l'obbligo di assunzione di persone diversamente abili, gravante sui datori di lavoro privati con organico aziendale da 15 a 35 dipendenti. In particolare l'istante chiede se tale disposizione possa trovare applicazione anche nell'ipotesi in cui la soglia dimensionale dei 15 dipendenti venga superata per effetto delle operazioni societarie di cui all'art. 2112 c.c., quali ad esempio trasferimento, cessione di ramo d'azienda, fusione, ecc. Il Dicastero, ricordando che ai sensi della disposizione di cui all'art. 3 citato, i datori di lavoro privati, che occupano da quindici a trentacinque dipendenti, sono tenuti all'assolvimento dell'obbligo di inserimento di lavoratori appartenenti alle categorie protette esclusivamente nell'ipotesi di "nuove assunzioni" ovvero al momento della sedicesima, precisa che con la locuzione "nuova assunzione", in virtù del combinato disposto di cui all'art. 3, comma 2, L. n. 68 e all'art. 2, commi 2 e 3, D.P.R. n. 333/2000, si intende quella che realizza un effettivo incremento dell'organico aziendale, ritenuta "aggiuntiva rispetto al numero dei dipendenti in servizio". Sebbene - si legge nella risposta del Ministero - nelle trasformazioni societarie di cui all'art. 2112 c.c., il rapporto di lavoro continui con il cessionario/datore di lavoro ed il prestatore conservi tutti i diritti ad esso collegati, in capo al nuovo datore si realizza un sostanziale ampliamento della base occupazionale, cui è necessario, pertanto, riferirsi ai fini della corretta determinazione della quota di riserva. Inoltre viene ribadito che rientrano nell'ambito delle nuove assunzioni le eventuali trasformazioni dei contratti di apprendistato e a termine in contratto a tempo indeterminato avvenute antecedentemente ai mutamenti del contesto societario.
(31/08/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF