Sei in: Home » Articoli

CARCERI - Situazione insostenibile - Rivedere il sistema della PENA afflittiva - Arginare la CUSTODIA CAUTELARE

prigione detenuto
POSTA e RISPOSTA n°104 è dedicata all'Avv. Maria Teresa MORINI del Foro di Venezia che alle h.13:44 del 26 ago '11 ci invia alcune pregevoli considerazioni sul nostro sistema carcerario attuale e futuro: "Mi permetto di ritornare su questo argomento che mi sta molto a cuore. Il sentire comune, lo sappiamo, è contro ogni beneficio, anzi spesso e volentieri 'la piazza' è più forcaiola di quanto non si pensi. Ma la inesorabile realtà è che la situazione carceraria è assolutamente insostenibile in Italia e certamente non credo possa essere risolta con la costruzione di nuove carceri, salvo che costruire nuovi edifici funzionali, igienici e vivibili, in sostituzione di tanti fatiscenti esistenti. Spesso ricavati da antichi presidi (vedasi carcere di Volterra situato nella fortezza...). Piaccia o non piaccia alla gente, se non sarà un nuovo indulto sarà amnistia, ovviamente con esclusione dei reati più gravi, come d'altra parte le leggi istitutive hanno sempre previsto. Anche se 'la piazza' invoca la certezza della pena, vale a dire se sei condannato a dieci anni di! reclusione, dieci anni te li devi fare, è pur vero che un sistema penitenziario, in uno stato moderno, non può essere articolato soltanto dentro le mura carcerarie. Le idee in Italia su questo argomento non sono mancate, ma come sempre manca la volontà e lo spirito di porle in essere. Bisognerebbe ristudiare e rivedere tutto il sistema della pena afflittiva e del recupero del detenuto, essendo ben chiaro che il rispetto dei Diritti dell'Uomo vale anche per lui, poichè lo Stato che comunque decide di punirti e di rinchiuderti è doppiamente responsabile dei diritti della persona e della qualità della sua vita ancorchè ristretta.
Grazie Mtmorini". - Grazie a Te, cara Teresa, per espressioni che condivido in pieno. S'impone anche un argine all'uso della CUSTODIA CAUTELARE in carcere che ha assunto dimensioni incredibili. Dal Consiglio d'Europa giunge il monito del Commissario per i Diritti Umani Thomas HAMMARBERG: il 43% dei detenuti italiani è sottoposto a tale misura contro la già preoccupante media europea del 25%. La lavagnetta è a Vostra disposizione per altri interventi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/09/2011 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF