Sei in: Home » Articoli

CGIL: manovra e disabilità. Rischio riprsitino reparti confino

invalido handicap disabile
di Nadia Fusar Poli -
“Gravissima e penalizzante la norma contenuta nella manovra economica del Governo che rischia il ripristino dei reparti confino per le lavoratrici e i lavoratori con disabilità”. Nina Daita, Responsabile dell'Ufficio politiche della disabilità della CGIL Nazionale, critica fortemente la norma contenuta nella manovra del Governo. Per la dirigente sindacale della Confederazione l'art. 9 del decreto Legge n.138 dovrebbe essere soppresso. Il rischio è quello “di ritornare a vedere nei luoghi di lavoro i 'reparti confino' per le persone con disabilità, e politiche di occupazione che potrebbero penalizzare i territori già poveri e colpiti da alte percentuali di disoccupazione tra i disabili”. Secondo Nina Daita “è in atto lo smantellamento della legge 68/99” poiché “il Governo ancora una volta rende inefficiente il collocamento dei disabili, attraverso modifiche che rendono impossibile la corretta applicazione della norma”. La CGIL, che ha già annunciato uno Sciopero Generale indetto per il prossimo 6 settembre, sta promuovendo iniziative e organizzando mobilitazioni, con il coinvolgimento di numerose associazioni di disabili.
(28/08/2011 - Nadia Poli)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reatoAvvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo