Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Vietti (Csm), occorre introdurre processo breve civile nel decreto anti-crisi

sentenza martello giustizia
di Nadia Fusar Poli -
“La giustizia civile deve essere inserita nel pacchetto di misure per fronteggiare la crisi: il fatto che non ci sia e' una grave e preoccupante carenza”. Queste le parole del vicepresidente del Csm, Michele Vietti in un'intervista al 'Corriere della sera' sul decreto anti-crisi. “La giustizia non e' una variabile indipendente rispetto al sistema economico; il mercato prima che un luogo economico e' un luogo giuridico”. La proposta di Vietti è l'introduzione del processo breve “anche per la giustizia civile” in quanto potrebbero sussistere le medesime condizioni di necessità e urgenza richieste per un decreto-legge.
Il vicepresidente del CSM individua “tre fronti da aggredire”, tre aspetti che secondo Vietti dovrebbero essere rivisti . Innanzitutto cita “l'abnorme accesso alla giustizia civile” che, mediante un intervento sull'articolo 24 della Costituzione “che impone una tutela unicamente giurisdizionale dei diritti”, dovrebbe essere oggetto di una modifica tesa ad “una scrematura preventiva dei giudizi civili, dirottando su binari alternativi le questioni di tipo bagattellare e previdenziale, che costituiscono la gran parte delle cause civili". Vietti sostiene inoltre che “ci vuole un robusto filtro pre-contenzioso” ed, ancora, evidenzia la necessità di “un processo breve civile, questo si' urgente, con durata massima di tre anni per giungere al giudicato, con dei termini rigorosi che rispettino il principio di ragionevole durata fissato dalla Costituzione”. Per Vietti tale proposta potrebbe agganciarsi alla manovra anti-crisi, “nella parte del decreto in cui si riduce il numero delle Province”, così come potrebbe entrare a far parte del decreto “anche quella parte del disegno di legge del governo sullo smaltimento dell'arretrato civile, su cui il Csm ha espresso parere favorevole”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/08/2011 - Nadia F. Poli)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF