Sei in: Home » Articoli

Cassazione: compossesso tra proprietario e terzo comporta usucapione della comproprietà

In materia di possesso e usucapione dei beni immobili (artt. 1140, 1158 c.c.), con la sentenza n. 16914, depositata il 2 agosto 2011, la seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che su di un immobile di proprietà esclusiva di un soggetto può ben crearsi una situazione di compossesso pro indiviso tra lo stesso soggetto proprietario e un terzo, con il conseguente possibile acquisto, da parte di quest'ultimo, della comproprietà pro indiviso dello stesso bene, una volta trascorso il tempo per l'usucapione, nella misura corrispondente al possesso esercitato.
La Corte ha precisato che tale situazione di compossesso, che consiste nell'esercizio del comune potere di fatto sulla cosa, in tota et in qualibet parte della stessa, da parte di due soggetti, non esige la esclusione del possesso del proprietario (ché in tal caso si tratterebbe di possesso esclusivo) né richiede che il compossessore effettivo ignori l'esistenza del diritto altrui, non valendo la contraria eventualità a escludere l'animus possidendi che sorregge i comportamenti effettivamente tenuti dal possessore il quale abbia usato della cosa uti condominus.
Scarica il testo della sentenza 16914/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/08/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF