Sei in: Home » Articoli

Cassazione: compossesso tra proprietario e terzo comporta usucapione della comproprietà

In materia di possesso e usucapione dei beni immobili (artt. 1140, 1158 c.c.), con la sentenza n. 16914, depositata il 2 agosto 2011, la seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha stabilito che su di un immobile di proprietà esclusiva di un soggetto può ben crearsi una situazione di compossesso pro indiviso tra lo stesso soggetto proprietario e un terzo, con il conseguente possibile acquisto, da parte di quest'ultimo, della comproprietà pro indiviso dello stesso bene, una volta trascorso il tempo per l'usucapione, nella misura corrispondente al possesso esercitato.
La Corte ha precisato che tale situazione di compossesso, che consiste nell'esercizio del comune potere di fatto sulla cosa, in tota et in qualibet parte della stessa, da parte di due soggetti, non esige la esclusione del possesso del proprietario (ché in tal caso si tratterebbe di possesso esclusivo) né richiede che il compossessore effettivo ignori l'esistenza del diritto altrui, non valendo la contraria eventualità a escludere l'animus possidendi che sorregge i comportamenti effettivamente tenuti dal possessore il quale abbia usato della cosa uti condominus.
Scarica il testo della sentenza 16914/2011
(20/08/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF