Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: Cassazione, la presunzione di comproprietà su parti comuni dell'edificio può essere superata

casa condominio
In materia di condominio l'elencazione dettagliata dei beni che si presumono di proprietà comune, contenta nell'art. 1117 del codice civile (parti comuni dell'edificio), non può considerarsi tassativa ma meramente esemplificativa. E' quanto afferma la seconda sezione civile della Corte di Cassazione (Sentenza n.16914/2011) spiegando che il diritto di condominio sulle parti comuni dell'edificio "ha il suo fondamento nel fatto che tali parti siano necessarie per l'esistenza dell'edificio stesso, ovvero che siano permanentemente destinate all'uso o al godimento comune". Per questo, spiega la Corte, la presunzione di comproprietà posta dall'art. 1117 c.c. può essere superata "se la cosa, per obiettive caratteristiche strutturali, serve in modo esclusivo all'uso o al godimento di una parte dell'immobile". In tal caso - scrive la Corte, viene meno "il presupposto per il riconoscimento di una contitolarità necessaria, giacchè la destinazione particolare del bene prevale sull'attribuzione legale, alla stessa stregua del titolo contrario"
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF