Sei in: Home » Articoli

Cassazione: criterio della utilità obiettiva della collaborazione prestata per calcolare la pena di chi si dissocia dal clan

In tema di circostanze del reato, con la sentenza n. 30205, depositata il 28 luglio 2011, la Corte di cassazione ha stabilito che la circostanza attenuante speciale «per la dissociazione» di cui all'articolo 8 della legge 203/91 si fonda sul mero presupposto dell'utilità obiettiva della collaborazione prestata dal partecipe all'associazione di tipo mafioso e non può pertanto essere disconosciuta. In particolare i giudici hanno sottolineato che l'incidenza di questa circostanza nel calcolo della pena non può essere ridimensionata in ragione di valutazioni inerenti alla gravità del reato o alla capacità a delinquere dell'imputato o, ancora, alle ragioni che hanno determinato l'imputato alla collaborazione. Il parametro di riferimento, dunque, hanno ribadito i giudici della sesta sezione penale è costituito esclusivamente dal criterio della utilità obiettiva della collaborazione prestata.
Scarica il testo della sentenza 30205/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/08/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF