Sei in: Home » Articoli

Consulenti Lavoro: licenziabile lavoratore per scarso rendimento

Anche lo scarso rendimento va considerata una violazione del dovere di diligenza del lavoratore e per questo può configurare un'ipotesi di giustificato motivo soggettivo di licenziamento. E' quanto spiega la Fondazione Studi dei consulenti del lavoro in un parere (n.16) dove chiariscono però che affinchè ciò accada il datore di lavoro deve provare non solo il mancato raggiungimento del risultato atteso, ma anche che ciò dipenda dal negligente inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore nella sua normale prestazione. La Fondazione Studi analizza in dettaglio gli effetti della violazione del dovere di diligenza, alla luce dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il datore di lavoro -spiega la Fondazione - puo' dimostrare l'inadempimento del dipendente anche mediante un'analisi comparativa con i rendimenti di altri dipendenti. Può operare qundi una comparazione tra i risultati produttivi dello stesso dipendente con il rendimento medio dei suoi colleghi. Per potersi configurare l'inadempimento per scarso rendimento, e' necessario che emerga una enorme sproporzione tra i risultati del lavoratore e quelli degli altri. Insomma deve esserci uno scarto molto significativo, che dimostri in modo oggettivo e inequivocabile la mancanza di diligenza.
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/07/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF