Sei in: Home » Articoli

Tutela della salute e sicurezza negli "ambienti confinati"

In data 3 agosto 2011, è stato approvato definitivamente dal Governo un D.P.R. per la tutela della salute e sicurezza negli "ambienti confinati" e reso noto dal Ministero del Lavoro e delle Poltiche Sociali con un comunicato stampa. Fortemente voluto dal Ministro Sacconi, il provvedimento è volto a introdurre innovative misure di innalzamento della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori delle imprese operanti in ambienti sospetti di inquinamento o con possibile presenza di gas (c.d.. “ambienti confinati”), quali silos, cisterne, pozzi, cunicoli e simili. Essendo gli "ambienti confinati" ad alto rischio di infortunio, il provvedimento prevede l'obbligo di specifica informazione, formazione, addestramento e conoscenza dei rischi e di conseguenza delle procedure di sicurezza ed emergenza che in tali contesti debbono applicarsi; ciò con riferimento a tutto il personale impiegato, compreso il datore di lavoro. Il decreto impone ai datori di lavoro e ai lavoratori autonomi di possedere dispositivi di protezione individuale (es.: maschere protettive, imbracature di sicurezza, etc.), strumentazione e attrezzature di lavoro (es.: rilevatori di gasi, respiratori, etc.) idonei a prevenire i rischi propri delle attività lavorative in parola e di aver effettuato, sempre in relazione a tutto il personale impiegato, attività di addestramento all'uso corretto di tali dispositivi. Detta, inoltre, l'obbligo di adeguate cautele a cui tutti devono sottostare tra cui l'individuazione di un rappresentante del datore di lavoro che vigili sulla salute e sicurezza di tutti i lavoratori.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/08/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF