Sei in: Home » Articoli

Bonus Bebè, Ministero chiede soldi indietro: Codacons presenta esposto per pubblicità ingannevole

Paradossale vicenda, quella che si sta consumando in questi giorni, in relazione a numerose famiglie italiane che stanno ricevendo una lettera dal Ministero dell'Economia e delle Finanze che minaccia sanzioni e azioni penali. Si tratta di famiglie che nel periodo 2005 – 2006 usufruirono del cosiddetto Bonus Bebè: un contributo di 1000 euro per ogni nascituro che il Ministero intende riportare nelle proprie casse. E non solo! Il Ministero intima al pagamento di una sanzione amministrativa, in misura ridotta, di ben 3.000 euro. Le famiglie con i nuovi “arrivi” ricevettero, nel periodo in oggetto, una lettera “personalizzata” firmata dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: "Caro ... (nome del bimbo), felicitazioni per il tuo arrivo! lo sai che la nuova legge finanziaria ti assegna un bonus di 1.000 euro? I tuoi genitori potranno riscuoterlo presso questo ufficio postale …". Migliaia di famiglie, vista la personalizzazione della lettera e l'utilizzo delle formule “ti assegna” e “potranno riscuoterlo”, pensarono che fosse stato lo stesso mittente o il Ministero competente ad aver verificato i requisiti per poter ottenere il Bonus Bebè. A denunciare la “beffa” è l'Associazione dei consumatori Codacons, in un lungo comunicato: “Non c'era scritto (nella lettera), potranno riscuoterlo se in possesso dei requisiti richiesti, o previa verifica dei limiti di reddito. Anche nell'allegato, poi, per quei pochi che lo hanno letto, si faceva riferimento al requisito di 'avere avuto un reddito complessivo, riferito all'intero nucleo famigliare, nell'anno 2004, non superiore a 50.000 euro', senza specificare che il reddito era lordo e non netto. La gran parte delle famiglie è, quindi, caduta in questa trappola, dovuta alle informazioni imprecise contenute nei moduli da presentare”. Per tali motivazioni il Codacons ha deciso di presentare un esposto all'Antitrust per pubblicità ingannevole.
(30/07/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF