Sei in: Home » Articoli

Cassazione: vanno condannati imprenditore e direttore dei lavori se non sono segnalati lavori in corso

lavori in corso id10547
Con la sentenza n. 29156 depositata il 21 luglio 2011, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna ai danni di un imprenditore e del direttore dei lavori per non aver segnalato mezzo pesante che investe un'automobile in area dove mancano paletti per segnalate i lavori in corso. In particolare la prima sezione penale, in cinque pagine di motivazione, rigettando il ricorso dell'imprenditore e del direttore dei lavori e condannandoli al pagamento di pena pecuniaria, ha spiegato che si configura la contravvenzione di omesso collocamento di segnali a carico del legale rappresentante della società e del direttore dei lavori laddove, nell'ambito di lavori di manutenzione straordinaria, l'azienda abbia omesso di delimitare l'area in cui operava il mezzo pesante ribaltatosi creando danni fortunatamente solo alle cose: la segnalazione e l'interdizione al pubblico dell'accesso non richiedeva nella specie alcuna autorizzazione e, laddove fosse stata necessaria, l'asserita inerzia nel suo rilascio, non sarebbe comunque valsa a escludere la responsabilità degli imputati.
Scarica il testo della sentenza 29156/2011
(23/07/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF